Archivio mensile:febbraio 2014

MALATTIE RARE

Il 28 febbraio è la giornata delle malattie rare.
Quest’anno ricorre la settima edizione e, come in tutte le ricorrenze, si fa il punto della situazione.
L’Italia è ancora molto indietro rispetto al resto dell’Europa, quindi si può fare di più, non foss’altro che copiare cosa già si fa negli altri Paesi.
Ma il nocciolo è sempre lo scarso interesse economico che queste patologie suscitano.

TUTELA DEL CONSUMATORE. QUALE?

Il Governo ha varato nuove norme a difesa dei consumatori.
La più “buffa” è quella sull’RCA, che prevede sconti anche fino al 25% per chi monta la “scatola nera” (fu già a suo tempo un fallimento) e, udite udite, per chi, in caso di sinistro, farà riparare l’auto da uno dei carrozzieri convenzionati con la Compagnia assicuratrice. Allora insistono?

IN-GIUSTIZIA ITALIANA

Giustizia italiana lenta, imprecisa, faziosa, fumosa e…parziale.
Non voglio assolutamente entrare nel merito della colpevolezza o meno di Raffaele Sollecito e di Amanda per la morte di Meridith ( a lei un pensiero rispettoso come pure alla sua famiglia), ma…non mi piace l’uso della giustizia che consapevolmente, credo, si è fatta.
Una sentenza di assoluzione le cui motivazioni dicono essere alquanto lacunose e della serie “me ne lavo le mai” ci pensi qualcun altro…e così si è data l’opportunità ad Amanda di “fuggire” in America da dove, a suo dire, non si muoverà più. Non tornerà in Italia a scontare la sua pena, chiaro?
Non mi piace il modo in cui questa ragazzina dal suo “esilio” dorato parli della mia Italia così come sta facendo.
Non mi piace che sputi sentenze…ma è americana”. E ancora una volta l’America comanda e l’Italia obbedisce.
Sollecito sta qui a prendersi tutte le responsabilità e anche qualcuna in più…Giustizia è fatta ancora una volta!

FCA: QUESTA SCONOSCIUTA!

Un breve amaro commento su FCAsede in Olanda, fisco nel Regno Unito. Italia sparita del tutto, anche nel marchio.
L’Avvocato non avrebbe mai permesso di omettere la I di Italia. Anche solamente per un vago senso di riconoscenza per tutti i soldi che lo Stato, quindi NOI, ha dato negli ultimi anni alla Fiat per sostenerla nei “vuoti” provocati da gestioni “allegre”.
Posso non credere alle assicurazioni che vengono date sul fatto che FCA anche in Italia pagherà una parte di tasse?
Posso non credere che negli stabilimenti italiani i posti di lavoro saranno assicurati a tutti i dipendenti?
Posso dire, da italiana, che sono delusa, amareggiata, preoccupata?